Home LE RICETTE DI CASA MIA Ricetta tipica piacentina: pisarei e fasò

Ricetta tipica piacentina: pisarei e fasòI pisarei e fasò sono un piatto della tradizione piacentina, un pò come la torta di patate e i tortelli fritti.
Sono un piatto della tradizione povera, preparati con una parte di farina e una di pangrattato.
Ogni famiglia, come è naturale per le ricette regionali, ha la sua variante..
Io oggi vi mostro quella della mia nonna e quella della mamma.Non sono un piatto veloce da preparare, ma il classico piatto della domenica. Nella prima variante, quella che si avvicina di pi alla tradizione c’è il classico pistà ad gràss, il grasso battuto con prezzemolo e aglio… mentre invece nella seconda il sugo è preparato solo con salsa, fagioli e funghi..molto più leggera.. ehmm

Altre ricette piacentine

Ricetta tipica piacentina: pisarei e fasò Ricetta tipica piacentina: pisarei e fasò

5 da 1 voto
Ricetta tipica piacentina: pisarei e fasò
Pisarei e fasò
Preparazione
40 min
Cottura
1 h 15 min
Tempo totale
1 h 55 min
 

Pisarei e fasò sono un primo piatto piacentino.

Piatto: Primi piatti
Cucina: italiana
Porzioni: 4 persone
Autore: Valentina Previdi
Ingredienti
Per la pasta:
  • 450 g farina 00
  • 100 g pane grattugiato
  • q.b. acqua tiepida
  • 1 pizzico sale
Per il sugo:
  • 300 g fagioli secchi borlotti
  • 100 g burro o olio evo
  • 50 g lardo pesto
  • 1 cipolla
  • 1 mazzetto prezzemolo
  • 1 spicchio aglio
  • 250 g salsa di pomodoro
  • funghi porcini secchi una manciata di
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • pepe
  • sale
Istruzioni
  1. Per la pasta: bagnare il pane grattugiato con poca acqua tiepida.
  2. Su una spianatoia versare la farina a fontana e il pane grattugiato ammollato, impastare il tutto con un pizzico di sale e se necessario aggiungere ancora poca acqua; lavorare energicamente fino ad ottenere un impasto sodo e non appiccicoso.
  3. Infarinare la spianatoia, prendere un pezzo di pasta e arrotolarlo per ottenere un bastoncino simile a una biscia, staccare con le dita un piccolo pezzetto di pasta e con il pollice dare la forma di un gnocchetto trascinando la pasta con il pollice sulla spianatoia. Ecco pronti i pisarèi.
  4. Si possono congelare posizionandoli su un vassoio ben distanziate e infarinati e utilizzare subito.
  5. Per il sugo mettere in ammollo in acqua i fagioli la sera prima e cuocerli a parte.
  6. Prima versione (e ricetta tradizionalfar soffriggere la cipolla in una casseruola con un trito di lardo, prezzemolo, aglio, e olio (o burraggiungere la salsa di pomodoro e i funghi secchi; dopo qualche minuto aggiungere i fagioli già cotti il sale e il pepe.
  7. Cuocere a fuoco dolce, il sugo deve risultate denso e corposo.
  8. Seconda versione (quella di casa miIn una casseruola aggiungere olio evo e salsa di pomodoro, quando arriva a bollore aggiungere i fagioli freschi ( o congelati funghi porcini secchi, sale e pepe; cuocere a fiamma dolce finché i fagioli non saranno cotti e il sugo corposo.
  9. Cuocere i pisarei in abbondante acqua salata per 10/15 minuti, scolarli tenendo da parte un pò di acqua di cottura; condirli con il sugo e se necessario aggiungere un pò di acqua.
  10. Servire subito a piacere aggiungere del parmigiano.

Ricetta tipica piacentina: pisarei e fasò

pisarei fasò (1)

11 comments

babbi 25 Febbraio 2016 - 13:11

buonissimi…li ho mangiati una sola volta nel Piacentino ed ancora li ricordo..

Reply
valentina 29 Febbraio 2016 - 17:02

prova a rifarli..vedrai che non è difficile!! 😉

Reply
Daniela 25 Febbraio 2016 - 15:12

Un classico della nostra cucina. Mai fatti con l’aggiunta di funghi secchi.
Sempre buoni i pisarei 🙂

Reply
valentina 29 Febbraio 2016 - 17:04

credo sia una variante della mia famiglia, non li ho mai visti nemmeno io con i funghi nella varie feste/ristoranti 😉

Reply
Silvia Brisi 25 Febbraio 2016 - 20:26

Che belli Vale!! Non li ho mai assaggiati ma è un piatto che di sicuro mi piace molto, davvero ghiotti!!
Grazie per avermelo fatto scoprire, se verrò dalle tue parti non mancherò di assaggiarli!!
Buona seerata!!

Reply
valentina 29 Febbraio 2016 - 17:09

Si Silvia se capiti nella zona provalo! vedrai che ti piaceranno..sono buonissimi! 😉

Reply
zia Consu 25 Febbraio 2016 - 20:44

Grazie x aver condiviso una ricetta della tua famiglia..l’aspetto è golosissimo 😛

Reply
Paola 25 Febbraio 2016 - 22:45

Al di là del fatto che affonderei il cucchiaio sia nella versione classica che in quella alleggerita, noto una familiarità in quella coppetta. Ce l’ho uguale anche io e l’ho usata proprio per il post di oggi (anche se si vede poco perché ho fotografato dall’alto) 🙂
Baciotti 🙂

Reply
Pattipa 26 Febbraio 2016 - 10:14

Non l’ho mai mangiati (alla faccia dei miei sette anni a Bologna…. devo rimediare! Lo sia che hai i bicchieri come i miei? 😀 Un bascione e buon we!

Reply
ipasticciditerry 26 Febbraio 2016 - 14:47

Mamma mia quanto mi paice questo piatto Vale!! E’ una goduria per il palato e il tuo anche per gli occhi. Me lo mangerei anche adesso, che ho finito da poco di mangiare, figurati!

Reply
Marta 26 Febbraio 2016 - 17:35

Non li ho mai assaggiati, ma sono sicura che sono uno di quei confort food che profumano proprio di casa e del pranzo della domenica. 😉

Reply

Rispondi a babbi Cancel Reply

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento, al miglioramento dell’esperienza di navigazione, utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta Leggi di più